martedì 11 febbraio 2014

A PROPOSITO DI DAVIS - di Joel e Ethan Coen

ALE: Please Mr. Kennedy!
EDGAR: I don't wanna go
ALE&EDGAR: please don't shoot me in the outer space
ALE: P-P-Please Mr. Kennedy!
EDGAR: I don't wanna go
VICTOR: please don't shoot me in the outer space
ALE&EDGAR: E TU CHI CAZZO SEI!?!?!

A PROPOSITO DI DAVIS
(ovvero il Male di Vivere Coeniano) 

ALE: CHI SEI?!?!
EDGAR: VAI VIA!!
VICTOR: Dai ragazzi! Che fastidio vi do?!
ALE: AIUTO!! DA DOVE SALTI FUORI?!
EDGAR: FUORI DALLE PALLE!
VICTOR: Raga, raga, raga con calma! Sono semplicemente l'alter-ego di Edgar
ALE: COOooosa... tu!
EDGAR: No io! No
ALE: Tu non puoi... Edgar come cazzo è possibile!?
EDGAR: Ma non lo so! Non sapevo nemmeno che esistesse... Oh dio!
ALE: Che sono io?! UNA MATRIOSKA???
VICTOR: Ehi voi due, quando avete finito di squittire possiamo cominciare!
ALE: PRIMA E ULTIMA VOLTA! Chiaro?! Edgar io e te dobbiamo parlare!
EDGAR: Ti ho detto che non lo sapevo!!
VICTOR: Intanto che quei due litigano, vi parlo un po' dell'ultimo Coen: i due fratelli si tuffano in un "road-movie del quartiere" tutto anni '60, musica folk e un povero sfigato come protagonista! In realtà
EDGAR: Oh arriva e dice cazzate! Cosa significa "road-movie del quartiere"?!?
VICTOR: Tu facci caso! il nostro Llewyn è sempre in procinto di partire ma non si allontana mai più di tanto dalla sua tana, se non per incontrare un produttore discografico in un'altra città, ma alla fine torna COMUNQUE indietro
ALE: Beh... definirlo un mezzo road-movie forse è un po' esagerato, però il discorso fila!
VICTOR: Llewyn Davis cerca qualcosa che non trova e probabilmente non sa nemmeno cos'è
EDGAR: E per riallacciarmi a questo discorso volevo aprire una piccola parentesi sul gatto

Frrrrrrrrrrrrr
VICTOR: Il gatto
EDGAR: TACI!! Il gatto rappresenta l'ancora di Llewyn che però in questo caso ha un'accezione negativa: lui ci si aggrappa nei momenti di maggior difficoltà! Tant'è che lo incontra sempre durante il suo viaggio ed è quasi un modo che il protagonista usa per fuggire dai problemi perché il gatto gli ricorda casa "sua" e non lo aiuta a compiere il passo in più per abbandonare il nido
VICTOR: Non riesce a darsi una spinta in avanti per poter migliorare la sua vita e sotto un certo un punto di vista è colpa dello stesso Llewyn, perché rifiuta di aprirsi al mondo 
ALE: Questo perché non prova a muoversi 
VICTOR: Llewyn Davis è bloccato nei corridoi
EDGAR: Llewyn Davis è un personaggio statico
VICTOR: Deve esserci qualcuno che lo spinga a muoversi
ALE: In qualche modo lui evita le responsabilità
EDGAR: Come fa con quella gran topa di Carey Mulligan
VICTOR: Basta portarla dal medico per abortire e tutto finisce lì
ALE: E chiaramente la Mulligan non accoglie con simpatia la sua superficialità
VICTOR: "SEI UNA MERDA, DOVRESTI METTERTI DUE PROFILATICCI PERCHÈ SEI UNA MERDA" O giù di lì
EDGAR: Tutto viene narrato con il meccanismo della ciclicità
ALE: Per i Coen tutto continua a ripetersi, incessantemente
VICTOR: Una sfiga continua!
ALE: Llewyn Davis è il canto della sconfitta!
'ndo cazzo mo o metto, 'sto gatto

ALE: È un film estremamente malinconico
EDGAR: Ci raccontano tutto con tanta tenerezza, sembra quasi una favola 
VICTOR: Infatti ci si affeziona al protagonista, dopotutto
ALE: Anche se stiamo parlando di un apatico menefreghista che non vive ma si limita ad esistere
VICTOR: Llewyn Davis semplicemente non è
EDGAR: AH! OH! e la fotografia?! Mio Dio è qualcosa di spettacolare non trovate??
ALE: Confermo!
VICTOR: Verissimo! molto onirica! Bruno Delbonnel diluisce, desatura e sfuma tutti i colori, aumentando così quella sensazione di malinconia e tristezza, rendendo meno nitidi il tutto e crea un'atmosfera particolarmente onirica
EDGAR: Per concludere possiamo dire che "A proposito di Davis" è un gran film
VICTOR: Non il migliore dei Coen
ALE: Molto profondo ed emozionante
EDGAR: Ma con una tematica amara
ALE: L'uomo, in fin dei conti, è abbastanza inutile
VICTOR: Fottiti volevo dirla io la frase-ad-effetto-finale

Voto:
ALE: Comunque te l'ho detto! Questa è la prima ed ultima volta che vieni



1 commento: